< return

Scilicet

Sin da quando è stato introdotta nel 1998 da Jacques-Alain Miller, la categoria epistemica delle psicosi ordinarie non ha smesso di agitare il campo della nostra riflessione concettuale e clinica sulle psicosi. Vent’anni più tardi è un buon momento per mettere alla prova il modo in cui nel Campo Freudiano siamo riusciti a ripensare ciò che facciamo a partire da quel cambiamento di prospettiva. E tutto ciò nel contesto di un’epoca la cui novità, vedendola a posteriori, era già in buona misura anticipata in questo concetto, che da allora è inseparabile dal modo con cui concepiamo la nostra clinica, dal modo con cui ascoltiamo ogni caso e affrontiamo l’orientamento dei trattamenti.

In linea con una lettura dell’ultimo insegnamento di Lacan, ma senza lasciare da parte il suo insegnamento più classico, il dibattito attuale sulle psicosi ordinarie e le altre rilancia una grande conversazione all’interno dell’AMP. Il volume Scilicet, come lavoro non tanto tra diversi ma tra molti, è una formula particolarmente adeguata per rifletterla e rilanciarla.

 

Responsabili: Enric Berenguer (enricberenguer@gmail.com) e Rosalba Zaidel (rosalba.zaidel@gmail.com)